#queneauchallenge #esercizidistile #logo-rallye #12

LOGO-RALLYE (Istruzioni: inserire nel racconto le parole dote, baionetta, nemico, cappella, atmosfera, Bastiglia, lettera)

L’atmosfera è la solita tendente all’arancione. Sto ballando ma non è la mia dote, ecco, io so fare a scrivere, quello sì, ma il movimento mi è nemico. Tuttavia mi sono svegliata con la forza di prendermi la Bastiglia. Inciampo su alcuni volantini per terra, e sul marsupio che mi hanno regalato durante l’ultimo banchetto contro i populismi di destra e le politiche che fanno morire la gente in mare per mancate capacità organizzative. Perché poi il succo è quello. L’emergenza umanitaria è solo una mancata re-organizzazione, mancata per una serie di tornaconti che non sono neanche ideologici, bensì pure rivendicazioni psicologiche di gente che al potere non ci sarebbe mai dovuta arrivare, ma sarebbe dovuta rimanere a fare le gare a chi ce l’ha più grosso. E stiamo lì con Facebook a fare gli eventi, un sacco di artistico attivismo, ma il popolo non si sa più chi è. Abbiamo un po’ perso certe capacità organizzative, credo, in generale, come abbiamo perso quelle di orientamento perché tanto c’è google maps. Io penso a cose tipo la Bastiglia, mentre Luca cerca di stampare all’ultimo i fogli per le prove e se ne va, penso a come sarebbe una presa della Bastiglia ora qui, ad Agosto a Berlino. Io come minimo non arriverei in tempo sul posto, nonostante il link diretto sull’evento Facebook. “Ah ma ci sono di nuovo i lavori sulla U6, allora niente rivoluzione”. Ma come hanno fatto in Francia a riunire così tanta gente nel 1789 senza Internet? Che poi non era Agosto ma Luglio, ma comunque fa caldo e la gente non va agli eventi politici neanche se ha messo “Parteciperò”. Abbiamo perso un sacco di cose, in questo progresso, ma non la voglia di lasciar morire la gente a caso per pretesti neocoloniali che “no, ma io non sono razzista, non c’entra nulla, è che andrebbero aiutati a casa loro”. Quando la gente dice così sento l’ansia che sale come se mi puntassero una baionetta contro, come quando aumenta l’affitto perché sì, perché si può fare anche se la casa è la stessa e anzi, ti si sono rotte due prese in salotto. Infatti i CCCP li sto ascoltando con le cuffie, e non lo so più dove è casa mia. Quando mando una lettera al mio indirizzo italiano, per far arrivare qualcosa alla mia famiglia, continuo a pensare che sia casa mia. La casa sono le persone e poi si muore. Non c’è tanto tempo per stare a dire e fare nazioni e confini. Dovremmo piacerci di più a priori, come una madre che lika i post della figlia che vorrebbe diventare una scrittrice senza leggerli prima. Ripeto queste cose anche alla mia psicologa ogni Martedì, in salsa diversa, con una serie di esercizi di stile che però in tedesco mi vengono peggio. La terapia è un po’ la versione atea della confessione, il suo studio è una cappella di ascolto, una chiesa con panche più comode e un concept migliore.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...